Seguici su

Zafferano di Caneva. Il punto d’incontro tra due eccellenze

Strategia di comunicazione, sito web – Settore: agroalimentare

Comunicazione Pordenone, 2020

Seguendo una tendenza nazionale, negli ultimi anni anche il Friuli Venezia Giulia ha visto il fiorire di piccole aziende agricole dedicate alla coltivazione e alla vendita dello zafferano. Ciononostante, nella nostra regione e più in generale nel nostro Paese, il peso economico di questa preziosa spezia è irrisorio: oggi, in Italia, la produzione annua di zafferano si aggira tra i 450 kg e i 600 kg e proviene da soli 50/55 ettari di coltivazioni distribuite su tutto il territorio nazionale e costituite per lo più da piccoli appezzamenti, anche di poche centinaia di metri quadrati. Da qui si ricava solo lo 0,3% delle 178 tonnellate di zafferano prodotto a livello mondiale! Anche il consumo in Italia è limitato: si predilige poi lo zafferano in polvere, molto più economico, importato prevalentemente dall’Iran. Per portare sulla tavola uno zafferano puro in stimmi di qualità superiore, come quello di Caneva prodotto da coltura biologica, abbiamo quindi puntato su due ingredienti forti di comunicazione: diffondere correttamente la conoscenza e la cultura di questa spezia, ancora poco apprezzata in purezza. Valorizzare lo specifico territorio in cui è coltivata: il “Giardino delle Delizie” di Caneva, con i suoi microclimi, le sue caratteristiche pedologiche, l’incontro fra tradizioni venete e friulane, che fanno di questa terra fortunata uno scrigno di bellezza e di tesori enogastronomici. Per vendere la Qualità, è necessario argomentarla: questo, naturalmente, è solo un punto di partenza strategico per sviluppare un progetto a lungo termine, che abbraccerà altre dimensioni commerciali.

Per conoscere qualcosa di più sullo zafferano e sul “Giardino delle Delizie” di Caneva visita il sito www.zafferanodicaneva.it