Seguici su

Dante e Brovedani Group

Quando i sommi poeti incontrano le grandi aziende: nel #Dantedì un omaggio a Dante, firmato Primalinea.

Paradiso, 1445, Giovanni di Paolo. The Metropolitan Museum of Art, New York. CC0 1.0 Universal.

Tra qualche anno, ricordando il Dantedì del 25 marzo 2021, potremo dire: c’eravamo anche noi. Vogliamo, infatti, cogliere l’occasione per segnalare un nostro piccolo ma intenso contributo alle celebrazioni dell’anno dantesco, che ha preso forma in un classico gadget di comunicazione che ormai firmiamo da 17 anni: il Calendario Brovedani.

Da tradizione, il Calendario Brovedani è dedicato a protagonisti italiani della scienza, della tecnica, dell’arte, della cultura, il cui pensiero e la cui opera abbiano illuminanti punti di contatto con le attività, la filosofia e le aspirazioni dell’Azienda di San Vito al Tagliamento, Gruppo leader a livello mondiale nella subfornitura meccanica.

L’inevitabile tema per il 2021 non poteva che essere Dante Alighieri. Un viaggio affascinante, che però si prospettava come una sfida impossibile: come far incontrare un’industria ipertecnologica del XXI secolo con un poeta del Trecento? Nonostante i primi tentennamenti davanti a questa domanda, ci siamo presto resi conto come la poesia e il genio di Dante possano confrontarsi creativamente con qualsiasi argomento: la sua grandezza si espande nello spazio e nel tempo, attraversando i luoghi, le epoche, le discipline, al di là delle mode e dei pensieri corti che imbrigliano tanto presente. Entrando nel vortice dell’energia dantesca, è così diventato abbastanza facile collegare Dante Alighieri con Brovedani Group, per dodici mesi, con argomenti sempre diversi, seguendo un filo conduttore scandito da tre parole chiave: “complessità”, “etica”, “innovazione”.

Tra i temi affrontati in questo calendario poetico-industriale, per questo appuntamento ci piace segnalare quello del mese di maggio: “il bene comune”, fondamento di ogni etica. 

Come scrive perfettamente Dante nei versi 54-47 del XV Canto del Purgatorio:

“ché, per quanti si dice più li ‘nostro’,
tanto possiede più di ben ciascuno,
e più di caritate arde in quel chiostro.”

Anche per gli squinternati tempi moderni il messaggio è chiaro: il “bene individuale” cresce nel terreno fertile del “bene comune”. “Meditate gente, meditate”, direbbe Renzo Arbore.

Per sfogliare il calendario Brovedani, potete accedere alla sua versione online realizzata in collaborazione con Eye-Tech srl, Pordenone https://calendar.brovedanigroup.com/